“8 ore di lavoro, 8 di svago, 8 per dormire”