Si allo Smart Working ma con le dovute tutele

Si allo Smart Working ma con le dovute tutele

Dalle pagine regionali de La Repubblica di oggi pubblichiamo il testo diun articolo nel quale Dalida Angelini, segretaria regionale della CGIL Toscana , interviene riguardo l’utilizzo dello Smart Working come modalità lavorativa anche dopo l’emergenza da COVID 19.

Si può sostenere questa novità a patto che vengano rispettati i diritti, venga garantito il diritto alla disconnessione, non si accentuino le disuguaglianze, soprattutto di genere e si risolva il problema della totale copertura della rete.

Leggi l’articolo :   I Sindacati , Smart Working senza disuguaglianze

Condividi questo articolo